giovedì 21 ottobre 2010

PROVE TECNICHE DI MICRODITTATURE


dal sito ANSA:
CASTELLAMMARE DI STABIA (NAPOLI) - Minigonne, scollature generose e jeans a vita bassa saranno banditi dalle strade di Castellammare di Stabia. "Ripristinare il decoro urbano per favorire una migliore convivenza civile", queste le motivazioni del sindaco Luigi Bobbio (Pdl) alla firma del nuovo regolamento di polizia urbana che lunedì prossimo sarà discusso nel corso della seduta del consiglio comunale. Stralci del provvedimento sono stati pubblicati oggi dai quotidiani Cronache di Napoli e Metropolis. Una 'carta' di quarantuno articoli in ognuno dei quali vengono fissate le regole che "ogni buon cittadino dovrebbe rispettare". Sono state così previste contravvenzioni da 25 a 500 euro a chi si sdraia al sole in pubblico, a chi indossa abiti succinti e a chi gioca a calcio nei giardini della villa comunale. Multe anche per chi bestemmia. "Trovo sia una decisione giusta - spiega il parroco Don Paolo Cecere intervistato da Cronache di Napoli- in questo modo si contrasta anche il dilagare delle molestie sessuali". Il nuovo regolamento è stato redatto dall'assessore alla Sicurezza Luigi Mamone, ex generale della Guardia di Finanza.

Eccoci qua, si prova a tornare indietro di mille anni. Ora, premettendo che io sono uno di quelli che da sempre pensa che sarebbe meglio lasciare un pò più spazio alla fantasia e non mostrare tutto quello che madre natura ci ha donato e che la parità dei sessi e l'emancipazione non passano per i microvestiti, penso anche che sia sempre e comunque una scelta personale quella dell'abbigliamento, e se non si arriva all'esasperazione o all'offesa, bisogna che si lasci spazio e libertà decisionale ad ogni singolo individuo. Poi non potersi sdraiare al sole in pubblico ne giocare a pallone nei giardini comunali o multe per le bestemmie, mi pare siano davvero delle prove tecniche di dittatura belle e buone.
E poi, come sempre, parecchio aperta e lungimirante la dichiarazione del parroco, che da buon ministro di Dio, arriva a dichiarare che in pratica le molestie sessuali sono in parte colpa delle donne stesse che si vestono in modo poco consono... Certo, perchè non sono la Tv, la moda e il mondo dei Vip e dei potenti a dare per primi questi input negativi di donna oggetto che si mostra solo per le doti fisiche.. no no no...
Ma questi politici e questi preti, pensassero solo a fare il loro dovere e a dare il buon esempio, senza dover sempre cercare qualche modo per fare notizia o per esagerare..
Tze, poi un sindaco PDL che vieta minigonne e scollature.. se lo sapesse il superetero Presidente del Consiglio, chissà cosa direbbe!!! Come minimo sparerebbe subito una delle sue barzellette con protagoniste 100 giovani ragazze e la Rosy Bindi a fare da contraltare....

4 commenti:

  1. Credo che in parte queste siano anche quelle multe fregatura per i turisti che non lo sanno e magari mezzi nudi per il caldo o per semplice abitudine riversano il loro portafogli nelle casse del comune...è pieno di regolamenti assurdi nelle città turistiche e questa per i ritrovamenti archeologici è una di quelle...io toglierei questo potere ai comuni, mi sembra che possano "legiferare" su troppe cose un po' soggettive...

    RispondiElimina
  2. Concordo con Sleeper: certe leggi imposte non hanno alcun senso! E oltretutto, come già ricordi, esiste dietro l'idea che se ci sono molestie sessuali c'è anche un po' di colpa per le donne che, si sa, provocano...

    RispondiElimina
  3. ma tu con le grandi labbra hai mai avvertito differenze tra il mais ogm e quello biologico?

    RispondiElimina
  4. ferrovie: la domanda non era chiara o era malposta. Tu volevi sapere forse che ore sono?
    ; )

    RispondiElimina