giovedì 25 novembre 2010

TALI E QUALI AL PADRONE


Se avete voglia, leggete questo articolo de Il giornale di tale Paolo Bracalini, dal coraggiosissimo titolo: "Rai, le bugie diventano verità". Se non avete tempo o voglia per leggerlo tutto ve ne faccio un sintetico riassunto io:
prendendo lo spunto dalla ennesima telefonata del premier in diretta a Ballarò per dare a Floris e compagnia (Santoro, Lerner, Fazio e la Gabanelli) dei Mistificatori della realtà, l'autore vi spiega come l'attuale informazione dei programmi Rai e non solo, sia subdolamente pilotata per far apparire la realtà come non è, piegandola al proprio comodo servigio contro il povero Silvio, che si trova quindi costretto a telefonare per smascherare il trucchetto di questi veri oppositori del potere. Non si mette sotto accusa solo il modo con cui sono fatti i video per i servizi (costruiti ad arte per mistificare la verità), il prode Bracalini si lamenta anche della gestione del contraddittorio, che secondo lui è anche quello pilotato per far sembrare gli anti Cav i demolitori del pro Cav pensiero (bello come la destra sia la prima a personalizzare il mondo politico con termini come ProCavaliere e AntiCavaliere quando proprio due giorni fa il prode Silvio ha fatto un richiamo contro le personalizzazioni in politica).
Poi sullo stesso sito web de Il Giornale potete trovare questa ottima iniziativa: una simpaticissima raccolta di firme contro Saviano. Il Motivo? Secondo la redazione, cito testualmente "la scrittore ha dato del mafioso al Nord, noi non ci stiamo..."
Allora, a parte che decidere di fare una raccolta firme contro una persona che ha immolato la sua vita e la sua libertà per una causa di interesse universale come la lotta contro le mafie, già di se per se mi pare sia un gesto da lesionati o da mentecatti, che ci dovrebbe spiegare con chi abbiamo a che fare, ma se poi ci fate i pipponi, poco convincenti, sul "pilotaggio" della realtà di alcuni giornalisti e poi siete i primi a dimostrarci che siete i Campioni in questo sport, allora che dire?
Saviano in diretta Tv, ci sono tanti video che lo possono confermare, ha solamente detto una cosa più che ovvia (affermata anche da indagini degli organi ufficiali), e cioè che il problema Mafie non riguarda solo il Sud ma che si è esteso ormai da anni anche al Nord, cercando negli esponenti politici che lo governano i nuovi punti di riferimento per combinare li affari: non ha assolutamente dato al Nord del mafioso. Non ha detto italiani del nord = mafiosi.
Di cosa stiamo parlando?
Ma davvero c'è ancora qualcuno che crede a questi servi del padrone?
Anche loro come il boss che rappresentano accusano gli altri di fare quello che in realtà sono i primi e i più spudorati a compiere da anni?
ai posteri l'HARDua sentenza...

1 commento:

  1. ma anche se avesse detto che al nord sono mafiosi, perché prendersela tanto?
    perché è la verità (e i leghisti con la verità non hanno molta dimestichezza)?

    RispondiElimina