lunedì 13 dicembre 2010

IL COCCODRILLO COME FA?

ieri pomeriggio mi stavo guardando un interessante documentario su un caso accaduto in Florida negli USA. I coccodrilli di un lago stavano morendo a decine in maniera strana: il loro decesso era preceduto da comportamenti anomali, definiti "da zombie", non riuscivano più a nuotare, non galleggiavano più, stavano immobili per ore e avevano perso il controllo dei movimenti.
Gli studiosi hanno cominciato a fare tutte le analisi del caso: autopsie varie, analisi delle acque, esami del sangue su esemplari vivi, fino a che sono arrivati a prendere in esame il cervello. Ed è li che ho scoperto che, queste bestie, tra le più antiche della storia del mondo, quelle che hanno subito meno evoluzioni e sono arrivate lo stesso ai giorni nostri, quelle che molti studiosi definiscono una macchina perfetta per il loro continuamento della specie, hanno un cervello grande quanto un bulbo oculare!!!!
Capito? La natura ha premiato loro, i più grandi rettili, fin dall'inizio della storia dei tempi, donando loro un cervello grande poco più di un occhio!!!
Questo vorrà dire qualcosa no?
Non so cosa di preciso, ma è interessante la cosa, no? 
Siamo abituati a pensare che l'evoluzione premi solo gli esseri più intelligenti, quelli con le capacità cognitive più avanzate, e poi si scopre che la specie più antica che ha nel tempo subito miglioramenti e aggiornamenti del sistema pari a ZERO, ha un cervello delle dimensioni di una pallina da ping pong....
si apprezzano considerazioni e opinioni sulla cosa

p.s.: nel documentario, i neuroni del cervello degli alligatori andava in pappa a causa di un alga altamente tossica....

5 commenti:

  1. Sempre pensato che lo spirito di adattamento avesse poco a che vedere con le capacità celebrali... più un essere è intelligente, meno si adatta e più cerca di adattare. Col risultato che si indebolisce, generazione dopo generazione.

    RispondiElimina
  2. La notizia vera è quella delle alghe tossiche,la dimensione del cervello del coccodrillo la si sapeva già,almeno io l'ho studiato a scuola.
    Ma che fai, metti femmine nude dappertutto anche tu? ( ricerca per immagine di gogol: donna vogliosa con alligatore,cavalcare il coccodrillo,ci vuole la sella?)
    Porelle ste bestiacce, pure loro fregate dai veleni,uff.

    OT mi sono accorta dei tuoi commenti nel mio blog a post non recenti, grazie,mi importa dei commenti ma sono distratta e disordinata ciao

    RispondiElimina
  3. cara fizzi, da quando uso le sgnacchere nelle immagini, non mi spiego come mai, ma le mie cliccate su i post aumentano abbestia!!!!
    Valli a capire questi cibernauti..
    E comunque questa immagine l'ho trovata mettendo su google immagini la semplice parola "coccodrillo"... ah, magico web....
    ; )

    RispondiElimina
  4. che dici metto qualche sgnacchero anche io?

    come si contano le cliccate? giuro che non lo so.

    RispondiElimina
  5. ci dovrebbe essere nella tua gestione blog dalla home page, la voce: statistiche, lì puoi vedere la classifica dei post più cliccati..
    e cmq, lo so che è maschilista la cosa, ma la gnaccherA tira sempre di più del gnaccherO, visto che da sempre anche voi donne dite che il maschio c'ha sempre e solo quel pensierino li in testa..
    ; )

    RispondiElimina