giovedì 29 dicembre 2011

E BUON ANO NUOVO A TUTTI....


No, no, non è un banalissimo errore di ortografia, qua ci vorrà proprio un bel buco del culo nuovo con i tempi vissuti e quelli a venire... Tasse su tasse, aumenti su aumenti, posti di lavoro decimati e prospettive ancora più nere, con un potere di acquisto del consumatore medio ormai ridotto ad una barzelletta.
Il Corriere della Sera oggi ci propone una simpaticissima tabella dove si confronta il prezzo di 100 generi di consumo vari ai tempi dell'arrivo dell'euro (2001) con quelli di oggi (2011); ve ne elenco alcuni, così, giusto per mettervi un pò di nostalgia che con la fine aNo va sempre bene, no?

PRODOTTO                       PREZZO 2001               PREZZO 2011          VARIAZIONE %

Cono gelato                           0,77                                2,00                           159,7%
Penna a sfera                         0,26                                0,80                            207,7%
Pizza Margherita                   3,36                                6,50                            93,5%
Biscotti frollini-1kg               1,50                                3,20                           113,3%
Caffè - 2pz x 250 gr              2,63                                6,22                            136,5%
Jeans uomo di marca             64,56                            126,00                            95,2%
Otturazione dente                  72,30                            112,00                            54,9%
Riso - 1kg                              1,52                                 2,80                             84,2%
Messa in piega                       9,81                               16,00                             63,1%
Farina - 1kg                           0,57                                 0,90                             57,9%
Pane al kg                              1,80                                 2,85                             58,3%
Quotidiano                             0,77                                 1,20                             55,8%
Pomodori pelati                      0,98                                 1,93                             96,9%
Caffè al bar                            0,67                                 0,90                             34,3%  
Sale kg.1                                0,47                                 0,70                             48,9%
Olio extravergine al lt             4,06                                 5,70                             40,4%
Cinema biglietto intero            6,71                                 8,00                             19,2% 

su tutti e 100 i prodotti ANAlizzati  dal Corriere della Sera la media degli aumenti è del 53,7%!!!!
in soli 10 anni la vita media ci costa più del 50% in più!! Solo che, ad esempio, il mio stipendiuccio non ha avuto lo stesso incremento.....

Se poi vogliamo godere fino in fondo guardiamo il costo dei carburanti dal gennaio 2001 ad oggi:

Super senza piombo                   Gasolio                 GPL
1,036 euro/lt                               0,898                     0,535         gennaio 2001
1,802 euro/lt                               1,649                     0,738         dicembre 2011

Il gasolio è praticamente raddoppiato, e tenendo conto che rispetto alla benzina necessita di meno raffinazione, sarebbe interessante capire come mai alla fine costa ormai quasi quanto la benzina....
Figli di puttana (aggiungo io attingendo al frasario di poeti al pari di Jacques Prevert)

venerdì 16 dicembre 2011

BENEFICENZA





allora, vi siete mai fermati seriamente a fare due calcolini su quanto lavorerete prima di andare in penZione?
bè, ora sul sito di Repubblica, qui trovate una pagina che vi fa tutto il lavoretto sporco con la sola inserzione di due dati: quanti anni avrete il 1 gennaio 2012 e quanti anni di contributi pagati avete...
ecco, io ho 33 anni e di contributi pagati ne ho 10, visto che i primi due anni di lavoro miei sono stati di "tirocinio-INCULATA"..
andrò in penZione (sapendo che col passare degli anni potrebbero cambiare ancora le carte in tavola e sperando di non perdere mai il lavoro) a comodi 68 anni, nel 2047!!!!
Ora, tralasciando che in Italia ormai 1 persona su 2 si ammala di tumore e che 2 su 3 di questi muoiono, ho come tutti una buonissima possibilità di schiattare prima della fine del mio lavorare, ma facendo finta che abbia un culo rottissimo e che campi quei 73-75 anni che dicono sia l'aspettativa di vita media per un maschio italiano, io dovrei alla fine pagare contributi per 45 anni per godere poi di una misero vitalizio per 5-10 anni al massimo?
ma stiamo scherzando? questa che facciamo noi lavoratori dipendenti è pura beneficenza a perdere!!!
ma a 'sto punto smettetela di togliermi i soldi dallo stipendio ogni mese per la pensione che preferisco goderne ora che sono sicuro di esserci... ma stiamo scherzando? 


a 68 anni a lavoro non capirò più un cazzo, mi ci vorrà il triplo del tempo di un 20enne per far funzionare il comando pensiero-azione, quando ora ci sono personaggi che negli anni 80-90-00 sono andati in pensione a 50!!!! 


invece di piangere una lacrima spinta dagli spingitori di lacrimi su rieducational channel, andatevene tutti un pò affanculo, vai!!! 

giovedì 15 dicembre 2011

DON FAVA e l'ultimo esorcismo...

ogni riferimento a persone esistenti e fatti realmente accaduti sarebbero equivalenti ad una paurosa coincidenza e quindi direi casuali abbastanza... poi oh, fate voi



martedì 13 dicembre 2011

MONTI CI SALVERà O CI FINIRA DI SPAPPOLARE?

Ok, la situazione è critica. Lo era già da tempo, nonostante Berlusca & Co. decantassero un'Italia florida e in salute.
Ma questa manovrina del TreMonti meno Tre a cosa porterà?
La analizzo da uomo della strada, magari con errori e valutazioni non precise, ma voglio provarci lo stesso:
•già da prima del governo tecnico è aumentata l'IVA al 21% e forse a breve aumenterà ancora - cosa comporta questo? è semplicissimo, qualsiasi cosa pagata legalmente e dichiarata costerà di più: dall'indispensabile pane al superfluo cappellino fashion, tutto costerà di più (magari dove è possibile favorendo ancora di più  il movimento al nero di soldi che nella nostra nazione è già da record);
•reintroduzione dell'ICI ora IMU: ritorneremo a pagare una tassa su quello che è già nostro, la casa (lo facciamo già per auto, motorini, TV e molte altre cose). E la cosa bella è che i soldi che prima andavano nelle casse dei Comuni e che quindi in tanti casi vedevi riversare direttamente sul tuo territorio, avendo servizi migliori e spesso "gratuiti", adesso finiranno nel buco nero delle casse dello stato, quindi ripagheremo gli stessi soldi di prima (o magari anche di più) non avendone lo stesso diretto beneficio;
•l'aumento della benzina - in un paese dove già eravamo al top del costo dell'oro nero, dove pare il 59% degli italiani possieda un mezzo a motore e dove l'89% dei trasporti commerciali si fa ancora su ruote di gomma cosa accadrà? semplicissimo l'italiano medio che in tantissimi casi non può fare a meno del proprio mezzo per spostarsi (l'italia è un paese fatta da moltissimi piccoli e medi centri) spenderà a fine anno tanti soldi in più in benzina, e i prodotti che viaggiano appunto sulle due ruote inevitabilmente subiranno anche loro un aumento del costo necessario a ripagare il costo della benza, che si andrà a sommare a quello già avvenuto a causa dell'aumento IVA sopracitato, portando i prodotti di primo genere e non a costare sempre di più;
aumento dell'età pensionabile - tralasciando i disagi che questa manovra creerà a chi già assaporava la meritata pensione, io è da anni che mi domando: ma se la gente dal posto di lavoro non ci si leva più fino ai 65 anni minimo, dove caxxo lo troveranno i giovani il loro posto di lavoro? cioè vivremo in un paese dove i nonni dovranno mantenere lamentandosi figli e nipoti, non rendendosi manco conto che finchè a lavoro ci stanno loro, i figli non potranno fare altro che aspettare i 35/40 anni per sperare in un contrattino di lavoro anche part time. Senza pensare che un 60enne che lavora da una vita, giustamente cerca di spendere il meno possibile, avendo di base meno esigenze di un 20enne/30enne che deve farsi una famiglia, comprare casa, auto e che magari a volte ha voglia di svagarsi e spende soldi anche in cose più futili di bollette o spesa: in pratica un'economia ed un commercio già massacrati dalla crisi e dall'aumento dei costi si impoveriranno ancor di più vedendo circolare sempre meno soldi e portando inevitabilmente maggior crisi dei consumi.

E' in tutto ciò i parlamentari traccheggiano sull'ipotesi di poter vedere tagli anche ai loro stipendi e privilegi, dicendo che così si rischia di fomentare l'antipolitica, perchè non è vero che loro godano poi di tutti questi vantaggi descritti da giornalisti e web...

Siamo sicuri che questa era la miglior riforma possibile? quando già ora c'è chi preannuncia un'altra manovrina simile a primavera per continuare a sanare le casse vuote dello stato. Cioè, fior di tecnici plurilaureati e "masterizzati" non hanno saputo fare di meglio?

lunedì 12 dicembre 2011

DON GIòN MARCA FAVA

ogni riferimento a persone esistenti e fatti realmente accaduti sarebbero equivalenti ad una paurosa coincidenza e quindi direi casuali abbastanza...
Tempo di realizzazione della parte DISEGNATIVA amanuense: 10 mEnuti scarsi
Tempo di realizzazione della parte grafica inserimento TESTO: 7 mEnuti netti

un caloroso vaffanculo al Pantani per l'ispirazione datami tramite il suo Anselmo!!! 
un grazie a Alessia e Paola per i tranquillissimi confronti avuti sull'argomento fede e dintorni in calme e sobrissime serate a caso.....


mercoledì 7 dicembre 2011

NESSUNO NE USCIRA' VIVO...


prendete un governo Berlusconi che ha vinto l'elezioni con la ricetta del "meno tasse per tutti", lasciatelo governare con una maggioranza schiacciante che li permetterebbe di fare ogni tipo di riforma, fatelo dire ogni settimana a Porta a Porta o al TG1 che a breve usciranno manovre che rilanceranno il paese che comunque non sa nemmeno cosa sia la crisi perchè aeroporti e ristoranti sono pieni; mescolate il tutto e lasciatelo agire per almeno 2-3 anni....
alla fine cosa otterrete?
et ualà...
ma è semplicissimo: un paese immerso nella merda fino al collo e un nuovo governo (che sia tecnico o del centrosinistra poco conta) che dovrà fare la parte del cattivo, aumentando tasse e imposte su qualsiasi cosa per cercare di salvare il salvabile.

Ecco cosa ha ottenuto l'italiano medio, votando a oltranza il buon Silvio People Fucker, abbindolato dalla storiella dei lupi cattivi che mettono le tasse mentre lui può liberalizzare tutto, rendere tutti più ricchi e altre stronzate del genere...

E questi nuovi geni "ipertecnici" cosa fanno come prime mosse fondamentali?
rimandano i pensionamenti (ormai moriremo a lavoro è una cosa certa e mi vien da dire: non toglietemi più dallo stipendio i soldi per la pensione, tanto non me la ridarete mai);
aumentano il prezzo della benzina, che già era a livelli insostenibili (lo sapete che continuiamo a pagarci sopra una accisa dei tempi della guerra in Abissinia);
rimettono l'ICI;
cioè, ci volevano i grandi tecnici del paese per fare queste mosse geniali?
per rimetterlo nel culo a noi poveri coglioni del popolo ci volevano i grandi esperti?

siamo davvero in un paese di geni...

E le tanto promessa equità con i tagli alla politica e con il far pagare finalmente i più ricchi?
E il vaticano che continua a non pagare un caxxo di centesimo di ici su le decina di migliaia di beni immobili che possiede e su cui guadagna fior di milioncini di euro?

Questo è fondamentalmente un paese per stronzi, abbindolati da politichetti da showbussiness e dalla tanto potente fede cattolica...

intanto prepariamo la quasi finita vasellina e caliamoci le braghe, che la sodomia ricomincia a furor di popolo...... 

questo è aSPARTAme!!!! per addolcire il pillolone anale

martedì 15 novembre 2011

STRISCE DA BAR (Bimboni Arrapati Romantici)

EPISODIO 6 - Maschi contro Femmine

Sara e Marco sono passati al Bar. Era da più di un mese che gli amici non li vedevano: c'era chi diceva che magari erano in vacanza in una località esotica e chi invece, un pò malignamente, diceva che lei era incinta e che dovevano decidere cosa fare a riguardo...
Invece eccoli là, tranquilli e sereni che si bevono il loro aperitivo:

Marco ora è con Luca, Andrea e Giovanni a ridere e scherzare; tra una risata e l'altra butta là una cosetta da nulla: "stiamo cercando casa, andiamo a convivere!"
I due amici si bloccano un attimo, lo guardano per capire se è serio o no, e una volta capito che dice la verità, gli danno una calorosa pacca sulla spalla e un sincero "Bravi, fate proprio bene. Era l'ora!! Avete già trovato casa? Che poi non è che scompari e non ti fai più vedere?..." 
Marco risponde con quasi non curanza, sta pensando alla stessa cosa da giorni e giorni, e cioè da quando hanno preso la decisione di andare via di casa: finalmente non dovremmo più fare i salti mortali per avere un pò di sano e tranquillo sesso. Basta alle fuitine appartati in macchina con la paura di fare la fine di quelle coppie aggredite che si sentono ai telegiornali; basta al far combaciare cene dei genitori fuori casa e seratine "sessosvelto e mi raccomando rimetti a posto le lenzuola sperando che non si siano macchiate". Potranno farlo ad ogni ora del giorno, in ogni stanza, sperimentando ogni tipo di giochetto o posizione.....
Dopo 5 minuti di domande più o meno serie, ricominciano tutti a parlare di altro...

Sara è nella saletta laterale ed ha appena dato la stessa notizia a Luisa, Paola e Ginevra.
In un boato di urletti e di congratulazioni, di risatine e abbracci vari, a fiume cominciano: "i tuoi che dicono? tuo padre non è un pò geloso? avete già scelto l'arredamento? dove li comprate i mobili? per le tende come fai? da sola o ti da una mano tua madre? avete il giardino? e il bagno di che coloro lo fate?....."
Sono 15 lunghissimi minuti di domande a raffica alle quali è quasi impossibile rispondere. Poco importa, Sara sta pensando alla stessa cosa da giorni e giorni, anche lai da quando hanno preso la decisione di andare via di casa: finalmente non dovrò più fare sesso ogni volta che stiamo insieme; che si che piace anche a me, ma ai ritmi di Marco mica ce la faccio più! Ora che andiamo a vivere insieme e l'ho accalappiato, sono un pò più tranquilla. L'ho più sott'occhio. E poi anche lui magari con la vita di coppia casalinga si darà una calmata, ci saranno altre cose da fare insieme: mettere in ordine, guardare film, fare la spesa insieme....

Alle 21.00, a fine aperitivo Marco e Sara salutano li amici, ed escono a braccetto. Entrambi visibilmente soddisfatti e allegri. Apparentemente felici per lo stesso medesimo motivo....
Lui con la sua convinzione di terra promessa del sesso selvaggio a oltranza, lei con la sua visione di relativa pace dei sensi e di ritmi più blandi per il suo internocoscia......

Di li a pochi mesi, dopo essere entrati nel loro nido d'amore, Marco si renderà conto di aver sopravvalutato la situazione e il suo miraggio da Porntube scomparirà piano piano; Sara invece avrà l'ennesima conferma che da anni ormai, il lato debole del sesso è diventato quello col cromosoma XY....

venerdì 4 novembre 2011

UN MANCATO SEGNALE CI SALVERA'?




Da sempre ce lo diciamo tutti, dal nord al sud, passando per il centro: a noi italiani, prima di scendere in piazza a protestare sul serio bisogna che ci vengano in casa a pungere sul vivo. 
Il vicino di casa non ce la fa più ad arrivare a fine mese? Chi se ne frega, finchè non tocca a me!
Ci vogliono 3 mesi per per avere una tac all'ASL? Chi se ne frega finchè la domenica pomeriggio ci sono le partite di pallone!
e così via..
Prendiamo questo immenso momento di crisi che sta affossando il nostro paese:
in centinaia di migliaia hanno perso il posto di lavoro, tante aziende sono andate fallite, i debiti del cittadino medio aumentano, i giovani disoccupati stanno moltiplicandosi e l'insicurezza sul futuro è ai massimi storici.
Cosa ha fatto il Governo del "ghe pensi mi"? Il Governo del "meno tasse per tutti"? Il Governo dell'ottimismo?
Non ha fatto una riforma vera che sia una, ma:
ha aumentato l'iva al 21%, ha aumentato il ticket sanitario, la benzina è alle stelle, le assicurazioni fanno i prezzi che pare a loro senza limiti, le sigarette ormai costano più dell'oro, le autostrade sono aumentate, per non parlare di costo di elettricità, acqua e metano.. tutto sta aumentando inesorabilmente, sia le imposte dirette dello Stato sia tutto l'indotto che ci gira intorno, l'unica cosa che non è aumentata, come sempre, sono gli stipendi del cittadino medio. I politici ci vogliono mandare in pensione da morti, dopo 40 anni di lavoro minimo, mentre loro fanno carte false per arrivare alla fine di una legislatura per godersi l'immeritatissimo vitalizio...
Siamo a un passo dal fare la fine di Grecia e Spagna...
E noi, a parte un paio di dimostrazioni l'hanno che lasciano il tempo che trovano, noi cosa facciamo?
NIENTE. 
Stiamo qua, inebetiti, aspettando che un qualche impossibile miracolo ci risolva la situazione. Continuiamo a dare fiducia a questi mentecatti di Montecitorio e Palazzo Chigi, continuando a pagare loro vizi e stravizi...

Ma all'orizzonte c'è un avvenimento che potrebbe davvero risvegliare l'ardore degli italiani in massa. Sta per succedere qualcosa che potrebbe davvero infuocare gli animi anche del più mite cittadino...
Sta per cessare il segnale TV analogico che lascerà il passo a quel TROJAJO di servizio che è il digitale terrestre. Molte famiglie non potranno più vedere la Tv come l'hanno vista fino ad ora..
e allora magari, punto nel vivo, il mite padre di famiglia, assillato dalle lamentale della moglie che non riesce più a vedere "ballando con le stelle" o la duecento miliardesima puntata di Beautiful, stanco di non riuscire più a vedere la Nazionale che gioca o l'ennesima leccata di chiappe di Bruno Vespa, si armerà di rabbia e forcone e scenderà per strada per fare la rivoluzione.....e sarà guerriglia!!!

se non dovesse funzionare nemmeno questo, allora siamo davvero alla frutta cari concittadini.

martedì 25 ottobre 2011

IL GEKO SUPER EROE

Per chi ancora avesse dubbi sul fatto che gli animali siano migliori di molti esseri umani:

martedì 18 ottobre 2011

TUTORIAL PER DIVENTARE FOTOGRAFI D'ARTE IN 4 MOSSE

PUNTO 1-EQUIPAGGIAMENTO: compratevi una reflex digitale, magari poi la userete quasi sempre con le regolazioni in automatico, poco importa, se non avete una reflex non verrete mai rispettato dagli altri fotografi e non potrete aspirare al tanto agognato titolo di fotografo "semiprofessionista";
PUNTO 2-IL SAFARI FOTGORAFICO: fatevi trovare pronti in situazioni da "compagnia e costume": primi maggio, feste paesane, ribotte con gli amici e similari, in modo tale da avere più soggetti possibili da immortalare con il vostro infallibile occhio alla Doisneau;
PUNTO 3-IL SOGGETTO: scattate foto alle facce di chiunque vi passi davanti, preferibilmente a media distanza: bambini, ragazzi, uomini, vecchie, donne, chiunque... l'importante è la quantità, più foto fate più ritratti d'autore posterete sui social network, per l'inquadratura o la qualità vi rimando al punto seguente;
PUNTO 4-IL TOCCO DEL MAESTRO: arrivati a casa, scaricherete sul vostro pc (dovreste avere un MAC a dire il vero, ma nell'intimo di casa vostra nessuno saprà mai la verità) una discreta quantità di foto, alcune forse davvero valide ma molte altre di livello medio basso. E allora come fare per poter creare gallerie copiose da postare sul web? Niente panico ora arriva il bello!
Aprite le foto con Photoshop, trasformate l'immagine da colori in Bianco e Nero. Potete farlo con plug-in già pronti o seguendo esempi sulla rete o anche improvvisando voi, la cosa fondamentale è arrivare ad avere dei contrasti abbastanza netti tra le luci e le ombre, questo porterà "drammaticità" alla vostra foto. Fatto questo create un alone sfumato scuro ai bordi della foto, in modo tale da darle un tocco leggermente vintage che non guasta mai. Ecco che la vostro fotona è pronta per ricevere sulla rete i vari "mi piace questo elemento" o le adulazioni di amici e parenti "ma come sei bravo.... dovresti fare una mostra...." e via dicendo.

ESEMPIONE QUA SOTTO SCATTATO CON UN POTENTE CELLULARONE NOKIA:


giovedì 13 ottobre 2011

IL FINTO FREAK (ma davvero chic)

ovvero "de i figli/figlie di papy coi soldi che però sono alternativi abbestia"





C'è una razza, sempre più cospicua di 30enni che io lascerei volentieri affogare a largo della loro ipocrisia. Sono quei ragazzi/e che vedi in giro con divisa in style "modern hippyes", fatta di pantaloni largheggianti in lino, canapa o cotone, infradito di pelle d'estate o mocassini chiusi in inverno, con maglie da bancherella da mercatino artigianale al Pistoia Blues o felpone sempre indossate con fare un pò trasandato ma ben studiato. I più audaci azzardano piercing o tatuaggi strategici.
Se parlano di politica hanno loro la soluzione per tutto: cioè la politica è tutta sbagliata fin dai primi anni 60. Parlano benissimo di un Niki Vendola, ma quando sono in cabina elettorale un pò titubano e guardano golosi a quei simboli che sicuramente tutelano di più i cospicui patrimoni famigliari che permottono loro la vita alternativa.
Se parlano di figli, criticano quei genitori che lavorano entrambi a tempo pieno e lasciano troppa educazione a scuole e nonni, poi se hanno figli loro, c'hanno stipendiatissime baby sitter che permettono loro di farsi spesso i cazzetti propri.
Se parli di cura del corpo, storcono il naso un pò su tutto, poi hanno prodotti di bellezza bio costosissimi consigliati da fior fiori di centri estetici naturalistici.
Se vanno in palestra per mantenersi in forma, non perdono occasione di parlarne male: "ci vado controvoglia, però è l'unica attività che posso fare con il poco tempo che ho. Io preferirei attività fisiche che ti lasciano qualcosa anche a livello spirituale... poi c'è certa gente superficiale che non ti dico"  e magari mentre fanno step o ciclette leggono "l'internazionale" per darsi un tono.
Le vacanze poi, spesso le fanno in luoghi davvero interessanti tipo Sharm el Sheik Mauritius o Canarie e se per sbaglio finiscono in posti "normali" ma potenzialmente variegatissimi, finiscono per prendersi una casa base vicino al mare che mai lasceranno per giorni e giorni..
Sono loro, i figli dell'agio, cresciuti a merendine Mulino Bianco in camerette soffocate da giocattoli Gig e Mattel, con felpettine Best Company, che poi, nell'età della pubertà, hanno scoperto la ribellione verso il sistema, il Che, il '68 parigino, i jeans strappati e i paesi del sud america, decidendo di non fare parte della catena che ti vuole incanalato in lavori a volte noiosi o poco stimolanti. 
Sono loro che, forti di questo senso di rivalsa verso la ricca borghesia che fino all'età dei brufoli li ha coccolati, ormai 30 enni, fanno i freakkettoni, in ricche case di campagna dei tanto disprezzati genitori, guardando con disgusto e compassione chi invece si spacca il culo 8 ore al giorno 5 giorni su 7 per pagare un disprezzatissimo mutuo fatto per comprare miseri 60mq in palazzina popolare....
I FINTI FREAK

mercoledì 5 ottobre 2011

STRISCE DA BAR (Bistrattati Anziani Romantici)

EPISODIO 5 - "IL VECCHIO E IL BAMBINO"

L'anziano uomo sta là, seduto al tavolino del bar, con il bastone appoggiato alla sedia e la coppola in testa, le carte in mano e lo sguardo stanco che fissa suo nipote. E' dall'inizio dell'estate che ogni pomeriggio, dal lunedì al venerdì dalle 15.00 alle 16.00 i due "compari" stanno la a giocare a scopa: le prime volte nonno Piero ha lasciato vincere facile l'erede, ma da qualche settimana ad oggi deve cominciare ad impegnarsi per non essere stracciato dal bambino.
Oggi però, il piccolo Marco, mentre sta per calare il "settebello" si ferma, guarda Piero diritto negli occhi e fa una di quelle domande che solo i bambini possono elaborare:
"Nonno, cos'è la vita?"
L'uomo, un pò scosso, come se fosse stato svegliato bruscamente da un sonno pesante, si ferma qualche attimo a pensare, sa benissimo che il bambino non si accontenterà di una risposta improvvisata, è allenatissimo ai terzo grado di suo nipote...
"Io una vita l'ho vissuta, a pieno: sono stato bambino come te, sono stato ragazzo e quasi subito uomo per colpa della guerra. Ho amato, ho sofferto, ho avuto tanti amici e poche donne: tua nonna, mia madre e mia sorella. Ho lavorato una vita. Ho visto andarsene quasi tutte le persone più importanti per me. Ho avuto la grande gioia di avere due splendidi figli e altrettanti meravigliosi nipoti...
Ma se ti dovessi dire che c'ho capito qualcosa, la risposta è NO! 
So solo che ora che sono arrivato alla fine di questo mio assurdissimo e bellissimo viaggio, provo una grande immensa nostalgia di tutto ciò che è stato, anche dei momenti più difficili!"
Marco, cala senza accorgersene il suo sette di quadri e guarda il nonno, dall'alto dei suoi freschissimi nove anni qualcosa ha capito e qualcosa no.
Gli occhi del nonno, persi nel vuoto, a stento contengono le lacrime, che per un lungo minuto rimarranno la, a dondolare sul bordo delle palpebre, come se le pupille le tenessero abbracciate a se per non farle scivolare via, poi il caldo dell'aria le farà evaporare e come se nulla fosse Marco dirà con voce squillante: "Settebello!"...

lunedì 3 ottobre 2011

STRISCE DA BAR (Borghesi AccuRturati Relativamente)

EPISODIO 4 - "IL FILOSOFO COMUNISTA"


Eccolo la, quel capellone, con la barba incolta, al tavolino con la sua donna e i suoi amici, convinto di essere "migliore" solo perchè di ideologia comunista e perchè non guarda la De Filippi o il Grande Fratello... tze


Ma senti che discorsi assurdi che fa pur di non parlare di pallone o dell'Isola dei Famosi..
"Ci pensavo l'altra sera prima di andare a letto: e se fosse che a volte sogniamo persone che conosciamo nel quotidiano con una fisicità completamente diversa dalla loro, chiamandole con i nomi di sempre, come se fosse normale che non abbiano quella faccia che conosciamo nella realtà, per il semplice fatto che già in altre vite le abbiamo incontrate e conosciute con differenti fattezze?"


See, eccolo il filosofo di sinistra.. sempre a parlare di cose "ricercate".. e poi qualcuno dovrebbe dirglielo che gli anni 70 sono passati e che i capelli lunghi con la barba non sono più di moda.. Basterebbe guardare un partita qualsiasi di serie A per capire che mi va molto di più il capello corto col gel...

venerdì 30 settembre 2011

STRISCE DA BAR (Borghesi Assolutamente Ridicoli)

EPISODIO 3 - "L'ILLUSO"


Japo è al bancone del bar, gomito appoggiato, polo attillata con colletto da pottaione, sopracciglia fatte da poco, abbronzatura perfetta e la postura arrogante del palestrato-calciatore-modaiolo.
Mentre bevono i loro coktails, parla con Mauro a voce alta, per farsi ben sentire dai presenti:
"Basta, è già la terza volta che mi lascia in 7 mesi! Ora mi sono rotto i coglioni, a 'sto giro non la riprendo più! Non starò li ad aspettarla: e pensare che dopo 6 anni insieme continua a dirmi che non sa cosa vuole da me e se mi ama ancora... Tze, ma questa volta, guarda, lo giuro, deve ululare!!!! Deve venire a bussare alla mia porta anche di notte, pregarmi, supplicarmi e darmi la soddisfazione di dirle NO!!!"
Mauro: "Bravo, così si fa!!!"
sorsata di entrambi ai propri miscuglioni, a cui segue un lungo silenzio quasi imbarazzante tra i due...


Lei, non lo cercherà nè chiamerà mai più, ha già un altro tra le mani, da tempo...

giovedì 29 settembre 2011

STRISCE DA BAR (Borghesi Alcolizzati Redenti)

EPISODIO 2 - "LA GASSATA"
un tranquillo giovedì sera di paese
Lui: Ciao, un Negroni!!
Lei: Ma come un Negroni? sono solo le 6 e mezzo!!! E poi sei pure sempre sotto antibiotico!!!
Lui: Cazzo, me lo stavo scordando: un bicchiere d'acqua gasata, anzi gasatissima!


alle 8 e mezzo, lui è l'unico sobrio circondato da una baraonda di bevuti, bevutissimi e collassanti, mentre lei è tornata a casa dai figli.


brraaaaaaaaabaurp (rutto fotoniko): Un altro giro grazie!!!
sorsata data con evidente gusto: Ah bona quest'acqua frizzante, dè!!!


intorno, i pochi ancora capaci di capire qualcosa, lo guardano perplessi....


O_O     O_O     O_O


Lui: Si, perchè poi alla fine, quello che conta è il bere!!!

martedì 27 settembre 2011

STRISCE DA BAR (Bastardi Alcolizzati Redenti)

EPISODIOI 1 - "FUORI DAL BAR"
Afoso meriggio agostivo infrasettimanale; al tavolino un padre trentenne e suo figlio 8nne...
Sul tavolo una birretta chiara e un gelato quasi finito:
"Papà, perchè si muore?"
5 secondi di sorpreso silenzio poi il papà orgoglioso della sua prontezza, risponde:
"Per fare spazio ai nuovi bambini che devono arrivare!!"
bimbo: 
"io non voglio che tu faccia spazio a nessuno, mai!!"

giovedì 15 settembre 2011

A CHE CA*%!!**O SERVE ?! ovvero "NOKIA: de la fine di un colosso"





Pare che i biondi telefonini finlandesi abbiano qualche problemuccio di mercato: qua la notizia.


Io non me ne intendo più di tanto di 'ste cose e manco mi interessano, però mi è capitato recentemente di avere in passaggio da mio padre un loro smartphone, di quelli touch tecnology, visto che lui era passato per lavoro verso un molto più professionale e affidabile blackberry. Il modello nello specifico è il Nokia 5230
A primo impatto, uno pensa: caruccio, non troppo ingombrante, la tecnologia a "struscio" pare funzioni bene e ci sono un sacco di voci nel menù: oltre le classiche, navigatore gps, ovi store, internet e robe tutte all'avanguardia che pare ti mettano il mondo nel palmo della manina...
Ora, premettendo che io mai l'avrei comprato, visto che coi telefoni sono solito fare 2 cose e cioè telefonare o mandare messaggi, una domanda sorge spontanea:
"Senza tecnologia WIFI, cioè senza la possibilità di andare sul web a gratis, cosa cazzo ci faccio con tutto quel mondo di programmi a disposizione?"
la risposta altrettanto spontanea è:
"Un emerita cippa!!"


Superata la delusione del "o paghi o in pratica lo utilizzi come un cordless casalingo degli anni 90 con solo più libertà di movimento" ho cercato allora qualche applicazione gratis da scaricare sul mac per poi passarla al telefono:
nei migliori siti, più della metà dei programmini offerti, una volta caricati sul telefono non funzionano o ti chiedono di collegarti alla rete!!!


E allora, vorrei sapere chi è quel coglione finlandese che ha pensato un cellulare da 130 euro circa dove, se non hai intenzione di arricchire ulteriormente le già grasse compagnie telefoniche con canoni web,wap e sob e pup, in pratica ci fai le stesse cose che ci facevi con modelli di anni fa, che però costavano 1/3, e cioè telefonare e mandare messaggi!!!! 


NO NO NO NOKIA, BEI MIEI ALTI E BIONDI FINLANDESONI , LA PROSSIMA VOLTA CHE SARO' COSTRETTO A COMPRARMI UN CELLULARE, CREDO CHE MI AFFIDERO' AI CONCORRENTI, BASSETTI, GIALLINI DI PELLE E CON GLI OCCHIETTI A MANDORLA...


nakelim



martedì 13 settembre 2011

OH CHE BEL MESTIERE, FARE IL FINANZIERE




Vado a Parigi in treno, e rientro quindi sempre utilizzando il PECCABILE servizio offerto dalle FS.
Consegno i miei documenti assieme a quello dei miei genitori, della mia compagna e di mio figlio al capotreno, per i debiti controlli.
Alle 22 circa ci addormentiamo tutti nella cabina-letto.
Dormire sul treno è cosa da campioni, tra rumori, scuotimenti, vocio dei passanti nel corridoio.
Alle 1 di notte circa sento bussare con vigore alla porta. Mi alzo e un pò assonato apro:
eccoli là, gli Starsky e Hutch della prode Fiamma Gialla, il John e Ponch delle Forze dell'ordine italiche, il Gianni e Pinotto della Guardia di Finanza che, giustamente insospettiti dalla mia foto della carta di identità (capello lungo e visibili borse sotto gli occhi, causate da un audace scatto alle macchinette automatiche alle 7.30 di mattina) hanno deciso di intervenire concisi e duri.
Dopo una rapida ma impeccabile occhiata alla scena del crimine (doppia cabina da 6 persone con buste della spesa, valige, due sessantenni, due trentenni, di cui uno in mutande, e un infante) inizia il feroce e arguto interrogatorio:

"Venite da Parigi?" (cazzo, sono due faine, due volpi del deserto, sul treno, Parigi-Roma, in un battibaleno, sono riusciti a capire da dove sono partito, sarà dura ingannarli)

"C'è anche un bambino!?!" (maledizione, non gli sfugge nulla, proprio nulla, hanno visto anche il bambino, nonostante fosse sdraiato nel letto a dormire; comincio a sudare freddo)

e per concludere, la domanda che proprio mette fine alla mia farsa:
"Siete tutti insieme?" ...
.....
O_O
....
Cazzo e contro cazzo!! e ora come faccio? sono arrivato al capolinea, sto per sputare fuori tutta la verità:
"No, guardi, mi avete beccato: sono Julio Ortega de las Plajas Blanca, il pericoloso narcotrafficante-evasore fiscale, che fa da corriere tra Livorno e Parigi.  Sono io, si, che parto per i miei loschi traffici, con compagnia e figlio per destare meno sospetti. Sono io, che sono solito aprire a caso le porte che separano due cabine letto, per poi instaurare nel giro di pochi minuti un'intimità tale con i novelli passeggeri, che casualmente hanno il mio stesso cognome e che ancor più casualmente hanno l'età giusta per poter essere i miei genitori, per poi dormire tutti insieme condividendo umori e odori del caso in modo e maniera da confondere ancora di più le acque!!!
Si, il gioco è finito, mi arrendo...."

Ma improvvisamente succede qualcosa.... forse, proprio i forti odori provenienti dalla cabina, o forse l'aberrante vista di me in mutande, spettinato seduto sul letto, erano troppo anche per i due encomiabili agenti della GF....

Il male ha vinto ancora, non mi avrete mai.....
ah ah ah ah ah



venerdì 2 settembre 2011

BASTA LEGGERE!!!!




Basta acquistare su Amazon o altri siti a metà prezzo o a cifre anche più basse!!! 
Basta!!! la carta stampata non è come un vestito di marca che a fine stagione trovi a prezzi "stracciati": in questo paese la cultura deve avere un prezzo antipopolare, sempre e comunque!!!
Perchè?
A che pro?
A chi fa comodo?
Molti a primo acchito pensano che sia una mossa proposta e appoggiata dai grandi editori (tipo Mondadori), ma se ci pensiamo bene, forse, tralasciando i venditori online, le grandi catene soffriranno anche loro di questa mossa, che invece favorirebbe, secondo altri, i piccoli librai, i quali spesso sono impossibilitati a proporre grandi sconti sulla propria merce....
Sicuramente, come sempre nel nostro paese, chi ne soffrirà di più è l'uomo della strada, il lettore medio, che vedrà ridotto il suo potere di acquisto: chi prima, online, poteva acquistare anche 2-3 libri alla volta, spendendo cifre ragionevoli, adesso dovrà dare una buona ridimensionata alla propria "biblioteca" e alla propria voglia di leggere.
Alcuni dicono che ci sarà un'impennata degli e-book (libri digitali acquistati e scaricati online), ma diciamolo: a quanti piace leggere un libro cliccando un mouse per girare pagina al posto di farlo odorando la bianca carta di nero inchiostro riempita?
Le biblioteche comunali stesse, con questa legge, potranno acquistare in media 3.500 libri in meno all'anno, dice Stefano Parise, presidente dell' AIB.
Alla fine sarà la Cultura in generale e la possibilità di arricchirsela che pagherà il prezzo più alto; in un paese, che già in media europea è fatto di pochi lettori diciamo che una legge del genere la si poteva tranquillamente evitare.
Ma si sà, siamo il paese delle leggi inutili messe in atto nel peggior momento possibile...



lunedì 29 agosto 2011

HO COMPRATO UN CD

Lo, so, non ci si crede, sembra uno di quei titoli acchiappa citrulli che uno lo legge è pensa  "si ok, guarda cosa non si inventa uno per attirare l'attenzione..." tipo la foto della STRATOPA nuda, sdraiata con fare lascivo sul pavimento ligneo per tentare di vendere più parquet.
E invece no! E' una vera verità! Ho comprato un CD, nell'era del pear to pear, nella decade post emule, negli anni dei file torrent, sono andato in un negozio di dischi, ho ordinato un cd, lasciando la caparra e l'ho poi comprato (in realtà ho passato il compito alla mia dolce metà).
Avevo sentito i pezzi del gruppo sul sito dell'HJFC corrente, e mi erano piaciuti sin dal primo ascolto, ho aspettato che fosse pronto l'intero lavoro, e ho deciso di comprarlo alla onestissima cifra di 12 euro!!!
Il gruppo si chiama Vintage Violence, e il cd si intitola "Piccoli intrattenimenti musicali".
Sono un gruppo di giovani "nordisti", mi pare di quel di Lecco, (ultimamente la migliore musica dello stivale la fanno al nord: Teatro degli orrori e Ministri, insegnano) che hanno buttato giù 11 tracce davvero niente male, con strumenti che suonano rapidi e nervosi, con sonorità che a me ricordano non poco il primo lavoro dei The Strokes, scarni ma tecnicamente precisi; i testi sono di quelli che piacciono a me, scordiamoci il pop o il rock senza spessore, fatto di metriche piene zipille di rime banali e scontate, dove le parole perdono significato a favore della musicalità delle stesse, qua si va giù diritto senza troppi fronzoli a dire le cose come si pensano, su società, politica e altri argomentucoli del genere.
Se poi avete voglia di cercarli su you tube, potrete vedere una buona serie di video ufficiali (almeno 4) in pieno stile "home made", che però ci ricordano come non sia fondamentale avere il prodottone patinato costato svariate migliaia di euro per dare una realtà anche visiva alla musica.. magari non saranno clip che passeranno sulle popolari e ultra commerciali MTV di turno, ma nell'era del WEB, diciamolo pure: chi se ne frega.
un mio consiglio: ascoltateli in streaming, e se vi piacciono, comprate il disco, 12 euro sono un prezzo più che onesto per un buon prodotto musicale.





lunedì 22 agosto 2011

L'IDIOTA DA SPIAGGIA




Hey tu! Si proprio tu!
Tu che al mare beatamente adagi il tuo vistoso sovrappeso causato da pseudobenessere occidentale sulla poltroncina da ragioniere Fantozzi meticolosamente piazzata sotto l'ombrellone made in china che durera' se ti va bene una sola stagione... Si, dai, tu che hai lasciato che moglie e figliolo venissero colonizzati dal giallo lardo sottocutaneo per non sentirti l'unico cicciobombo in casa.. ecco ora che hai capito, tu: "Perchè cazzo devi far fermare un venditore ambulante, (che non ha sicuramente la possibilita' di scegliere se ingrassare o no, visto che la fame che patisce fa si che mantenga il suo palesemente superiore fisico da razza superiore senegalese) per fargli tirare fuori dalla borsa una normalissima maschera subacquea (identica a quella che compreresti nel bazar non specializzato sotto casa), prenderla in mano, andare in acqua a provarla, immergendola nell'acqua salata, girarti verso lo stesso e dire che la maschera non va bene, che tra l'altro almeno la potevi provare mettendotela in faccia caro il mio genio dello snorkeling della domenica, restiuendogliela senza nemmeno avere la decenza di asciugarla, costringendolo a usare la sua maglietta per farlo..
ecco, tu, proprio tu: augurerei volentieri alla tua progenie di avere un giorno il bisogno di partire da casa sua, lasciando i cari e le terre che conosce per andare in una nazione di cui non sa una bella sega nulla e trovarsi costretto a fare un lavoro faticoso, vivendo in condizioni al limite dell'umana decenza e di trovare in un'afosa giornata d'agosto un inutile e idiota cliente identico in tutto e per tutto a te!!
niente di più, niente di meno...

mercoledì 17 agosto 2011

L'AQUILA: agosto 2011

pochissime parole e poche ma significative foto per far capire a chi non ci può andare, cosa è L'AQUILA al giorno d'oggi, dopo il terremoto che l'ha messa in ginocchio:
città deserta, vie vuote, edifici crepati, foto a memorie delle vittime, macerie per strada, pochissimi ma coraggiosi esercizi commerciali aperti e due soli cantieri attivi per la ricostruzione... costosissimi puntellamenti che a breve andranno anche sostituiti o rimaneggiati per essere ancora validi e tanto tanto tanto inquietante silenzio, dove risuonano potenti le mille promesse fatte dal premier delle meraviglie a suo tempo......
una città fantasma, alle 12.00 del giorno, quando ci sono stato io... non oso pensare come sia dopo il calar del sole.....














martedì 31 maggio 2011

NON DICO NULLA.....

oggi, giornata post ballottaggi, sarebbe troppo facile mostrare il godimento personale per il gollettone rifilato al premier dell'Amore.. quindi taccio.. un pò gongolo, ma taccio....


venerdì 27 maggio 2011

GLI ULTIMI 10 ANNI


La Marcegaglia, nota brigatista rossa di sinistra, ha detto:
"L'Italia ha perso 10 anni" Non ci sono state mosse politico-economiche che abbiano aiutato il nostro paese  a non cadere in questo stato catatonico di apatia e insofferenza del mondo del lavoro, dell'industria e delle innovazioni, col risultato che dopo Grecia e Spagna, non è che noi si abbia grosse prospettive di miglioramento....

E la domanda è: chi ha governato 8 anni e mezzo degli ultimi 10 anni? Babbo Natale?


L'INPS (formato si sa da ex membri dell'ex URSS) ci dice che a oggi 1 pensione su 2 rimane al di sotto dei 500 euro mensili.
E la seconda domanda è: chi in campagna elettorale da sempre promette pensioni più alte?

L'ISTAT e l'ufficio studi di Confcommercio (altri organi di propaganda bolscevica) ci confermano che i consumi da 1 anno a questa parte sono in netto calo anche nel genere alimentare, con un forte rischio di non raggiungimento dell'obbiettivo di crescita interna del Pil all'1%.
La terza domanda è: chi da sempre dice, che la crisi è più che altro un fattore psicologico e che bisogna essere ottimisti e spendere, facendo girare l'economia?

L'ISTAT ancora ci conferma anche che il 24,7% della popolazione italiana è a rischio povertà e che il carico fiscale e contributivo sulle famiglie da 10 anni ad oggi è cresciuto dal 27,9% al 29,9%.
La quarta domanda è: chi si è fatto mettere al governo negli ultimi 8 anni e mezzo con lo slogan del "meno tasse per tutti?"

E in questa situazione di merda globale che ricopre il nostro paese, chi è quel leader che al G8 prende da parte il presidente degli USA e dice lui che il vero problema della nazione qui sopra descritta è la riforma della giustizia bloccata dai famosi magistrati politicizzati comunisti facendoci fare per l'ennesima volta una mondiale figura di cacca?

Chiunque sia lui veramente vicino e abbia per lui ancora un minimo di rispetto e sincero affetto, per piacere lo convinca a tornare nella sua villetta di Arcore o in quella in Sardegna, a passare gli ultimi anni della sua vita in tranquillità a godersi nipotini e i confort della ricchezza, evitando così di portare ancora più a fondo il nostro paese... grazie  




giovedì 26 maggio 2011

COSì FANNO SOLO I GLANDI LEADERSSSS


Come si fa una grande campagna elettorale per i propri candidati in una nazione occidentale democratica?
eccovi qua svelate le 7 mosse più importanti:

1: eclissare sempre e comunque i propri candidati mettendo in evidenza il proprio nome sui simboli di partito e parlando a sproposito ai loro comizi più importanti;
2: promettere di levare le multe in caso di vittoria alle elezioni;
3: aggiungere di spostare un paio di ministeri da Roma così, en passant, solo per poi in pratica smentirsi i giorni seguenti;
4: buttare là che non si demoliranno le case abusive a Napoli e dintorni, perchè si sa che non è un luogo comune pensare che al sud si debba passare  per la non-legalità per venire presi in considerazione;
5: promettere poi che il Milan non comprerà Hamsik uno dei giocatori simbolo della squadra partenopea: perchè anche qui, sappiamo quanto i tifosi tengano alla propria equipe di pallone;
6: dire dopo la prima sconfitta e prima del ballottaggio finale, che con molta probabilità, i candidati scelti erano inadatti (i quali saranno contentissimi di andare al secondo voto con questo "spot" del loro leader);
7: come già successo in passato dichiarare che chi voterà per l'opposizione (sinistra e De Magistris) tornando a casa, si guarderà allo specchio e capirà di essere senza cervello.


io avrei aggiunto anche che, secondo i miei poteNti sondaggi, chi vota per PD, SEL e IDV c'ha la mamma porcella e il papà omosessuale!! tiè!!