giovedì 3 marzo 2011

MIO CUGINO E' UN TAVOLINO




Chi è che dice che gli oggetti non hanno un'anima?
Forse sarà vero per alcuni, in effetti non credo che la penna bic fatta in megascala di montaggio da freddi macchinari automatici possa dirsi "viva", ma se ripensiamo ai vecchi tempi o all'artigianato, a quel mondo fatto di esseri umani che dedicano pensiero, energie, sudore e tempo per creare dal materiale grezzo oggetti unici ed irripetibili sia in pregi che in difetti, bè, io credo che la cosa cambi.
Io ad esempio, tre anni or sono, quando mi sono trasferito nella casetta dell'aMMMore dove tuttora alloggio, ho preso possesso di un vecchio tavolo, fatto da una base di legno e da un piano di vecchio marmo, che era stato in passato il tavolo da lavoro di mio nonno e l'ho totalmente rimesso a nuovo:
sverniciato a mano con solvente e carta vetrata il primo strato di tinta bianca, tolto poi lo strato verde di simil rame che lo conservava, portandolo a legno vivo, per poi fargli il trattamento impregnante, pulire il marmo ed avere un meraviglioso nuovo unico ineguagliabile tavolo da cucina e pranzo!!!!
Avrei potuto più comodamente darlo via e comprarmi un tavolino designsega-svedese dell'ikea o banal-fintochic di mondo convenienza, fatto con legno truciolante, che sarebbe durato si e no forse 10 anni al massimo, mettendomi in casa un mobile che hanno identico qualche altro milione di persone nel mondo, per dare via un oggetto unico con cui ho anche un legame familiar-sentimentale... mi sarei poi sputato in un occhio guardandomi allo specchio e non avrei provato nulla mettendomi seduto di fronte a lui, ci sarebbe stata solo fredda indifferenza e forse un leggero disprezzo.
Ci sono voluti 3 fine settimana per fare tutta l'operazione: io c'ho investito tempo, sudore, energie, idee e tanta volontà e lui non mi ha deluso ed è venuto fuori bene, anche se nel percorso di restauro a volte è stato lui a guidarmi su alcune scelte, e ora io e lui siamo legati per sempre da un filo indissolubile! C'è stato uno scambio di energie tra noi. 
Era in passato il tavolo da lavoro di mio nonno e adesso è e sarà il tavolo su cui prepariamo i pasti e mangiamo io e la mia famiglia e quando io non sarò più, lui rimarrà ai miei figli che decideranno a loro volta che utilizzo farne. 
Esiste forse un legame più bello con un oggetto? io credo di no, quel tavolino e come fosse mio cugino....

5 commenti:

  1. ci ho un sacco di cugini anch'io… ma che delizia di post che hai scritto :)

    RispondiElimina
  2. Heheh..grande..
    Post poetico e sentimentale..
    Finale a sorpresa..
    Vorrei sapere come si chiama tuo cugino ;)

    RispondiElimina
  3. in effetti al tavolino, mio cuggino, devo ancora trovare un nome adeguato..
    si accettano suRgerimenti

    RispondiElimina