giovedì 29 dicembre 2011

E BUON ANO NUOVO A TUTTI....


No, no, non è un banalissimo errore di ortografia, qua ci vorrà proprio un bel buco del culo nuovo con i tempi vissuti e quelli a venire... Tasse su tasse, aumenti su aumenti, posti di lavoro decimati e prospettive ancora più nere, con un potere di acquisto del consumatore medio ormai ridotto ad una barzelletta.
Il Corriere della Sera oggi ci propone una simpaticissima tabella dove si confronta il prezzo di 100 generi di consumo vari ai tempi dell'arrivo dell'euro (2001) con quelli di oggi (2011); ve ne elenco alcuni, così, giusto per mettervi un pò di nostalgia che con la fine aNo va sempre bene, no?

PRODOTTO                       PREZZO 2001               PREZZO 2011          VARIAZIONE %

Cono gelato                           0,77                                2,00                           159,7%
Penna a sfera                         0,26                                0,80                            207,7%
Pizza Margherita                   3,36                                6,50                            93,5%
Biscotti frollini-1kg               1,50                                3,20                           113,3%
Caffè - 2pz x 250 gr              2,63                                6,22                            136,5%
Jeans uomo di marca             64,56                            126,00                            95,2%
Otturazione dente                  72,30                            112,00                            54,9%
Riso - 1kg                              1,52                                 2,80                             84,2%
Messa in piega                       9,81                               16,00                             63,1%
Farina - 1kg                           0,57                                 0,90                             57,9%
Pane al kg                              1,80                                 2,85                             58,3%
Quotidiano                             0,77                                 1,20                             55,8%
Pomodori pelati                      0,98                                 1,93                             96,9%
Caffè al bar                            0,67                                 0,90                             34,3%  
Sale kg.1                                0,47                                 0,70                             48,9%
Olio extravergine al lt             4,06                                 5,70                             40,4%
Cinema biglietto intero            6,71                                 8,00                             19,2% 

su tutti e 100 i prodotti ANAlizzati  dal Corriere della Sera la media degli aumenti è del 53,7%!!!!
in soli 10 anni la vita media ci costa più del 50% in più!! Solo che, ad esempio, il mio stipendiuccio non ha avuto lo stesso incremento.....

Se poi vogliamo godere fino in fondo guardiamo il costo dei carburanti dal gennaio 2001 ad oggi:

Super senza piombo                   Gasolio                 GPL
1,036 euro/lt                               0,898                     0,535         gennaio 2001
1,802 euro/lt                               1,649                     0,738         dicembre 2011

Il gasolio è praticamente raddoppiato, e tenendo conto che rispetto alla benzina necessita di meno raffinazione, sarebbe interessante capire come mai alla fine costa ormai quasi quanto la benzina....
Figli di puttana (aggiungo io attingendo al frasario di poeti al pari di Jacques Prevert)

venerdì 16 dicembre 2011

BENEFICENZA





allora, vi siete mai fermati seriamente a fare due calcolini su quanto lavorerete prima di andare in penZione?
bè, ora sul sito di Repubblica, qui trovate una pagina che vi fa tutto il lavoretto sporco con la sola inserzione di due dati: quanti anni avrete il 1 gennaio 2012 e quanti anni di contributi pagati avete...
ecco, io ho 33 anni e di contributi pagati ne ho 10, visto che i primi due anni di lavoro miei sono stati di "tirocinio-INCULATA"..
andrò in penZione (sapendo che col passare degli anni potrebbero cambiare ancora le carte in tavola e sperando di non perdere mai il lavoro) a comodi 68 anni, nel 2047!!!!
Ora, tralasciando che in Italia ormai 1 persona su 2 si ammala di tumore e che 2 su 3 di questi muoiono, ho come tutti una buonissima possibilità di schiattare prima della fine del mio lavorare, ma facendo finta che abbia un culo rottissimo e che campi quei 73-75 anni che dicono sia l'aspettativa di vita media per un maschio italiano, io dovrei alla fine pagare contributi per 45 anni per godere poi di una misero vitalizio per 5-10 anni al massimo?
ma stiamo scherzando? questa che facciamo noi lavoratori dipendenti è pura beneficenza a perdere!!!
ma a 'sto punto smettetela di togliermi i soldi dallo stipendio ogni mese per la pensione che preferisco goderne ora che sono sicuro di esserci... ma stiamo scherzando? 


a 68 anni a lavoro non capirò più un cazzo, mi ci vorrà il triplo del tempo di un 20enne per far funzionare il comando pensiero-azione, quando ora ci sono personaggi che negli anni 80-90-00 sono andati in pensione a 50!!!! 


invece di piangere una lacrima spinta dagli spingitori di lacrimi su rieducational channel, andatevene tutti un pò affanculo, vai!!! 

giovedì 15 dicembre 2011

DON FAVA e l'ultimo esorcismo...

ogni riferimento a persone esistenti e fatti realmente accaduti sarebbero equivalenti ad una paurosa coincidenza e quindi direi casuali abbastanza... poi oh, fate voi



martedì 13 dicembre 2011

MONTI CI SALVERà O CI FINIRA DI SPAPPOLARE?

Ok, la situazione è critica. Lo era già da tempo, nonostante Berlusca & Co. decantassero un'Italia florida e in salute.
Ma questa manovrina del TreMonti meno Tre a cosa porterà?
La analizzo da uomo della strada, magari con errori e valutazioni non precise, ma voglio provarci lo stesso:
•già da prima del governo tecnico è aumentata l'IVA al 21% e forse a breve aumenterà ancora - cosa comporta questo? è semplicissimo, qualsiasi cosa pagata legalmente e dichiarata costerà di più: dall'indispensabile pane al superfluo cappellino fashion, tutto costerà di più (magari dove è possibile favorendo ancora di più  il movimento al nero di soldi che nella nostra nazione è già da record);
•reintroduzione dell'ICI ora IMU: ritorneremo a pagare una tassa su quello che è già nostro, la casa (lo facciamo già per auto, motorini, TV e molte altre cose). E la cosa bella è che i soldi che prima andavano nelle casse dei Comuni e che quindi in tanti casi vedevi riversare direttamente sul tuo territorio, avendo servizi migliori e spesso "gratuiti", adesso finiranno nel buco nero delle casse dello stato, quindi ripagheremo gli stessi soldi di prima (o magari anche di più) non avendone lo stesso diretto beneficio;
•l'aumento della benzina - in un paese dove già eravamo al top del costo dell'oro nero, dove pare il 59% degli italiani possieda un mezzo a motore e dove l'89% dei trasporti commerciali si fa ancora su ruote di gomma cosa accadrà? semplicissimo l'italiano medio che in tantissimi casi non può fare a meno del proprio mezzo per spostarsi (l'italia è un paese fatta da moltissimi piccoli e medi centri) spenderà a fine anno tanti soldi in più in benzina, e i prodotti che viaggiano appunto sulle due ruote inevitabilmente subiranno anche loro un aumento del costo necessario a ripagare il costo della benza, che si andrà a sommare a quello già avvenuto a causa dell'aumento IVA sopracitato, portando i prodotti di primo genere e non a costare sempre di più;
aumento dell'età pensionabile - tralasciando i disagi che questa manovra creerà a chi già assaporava la meritata pensione, io è da anni che mi domando: ma se la gente dal posto di lavoro non ci si leva più fino ai 65 anni minimo, dove caxxo lo troveranno i giovani il loro posto di lavoro? cioè vivremo in un paese dove i nonni dovranno mantenere lamentandosi figli e nipoti, non rendendosi manco conto che finchè a lavoro ci stanno loro, i figli non potranno fare altro che aspettare i 35/40 anni per sperare in un contrattino di lavoro anche part time. Senza pensare che un 60enne che lavora da una vita, giustamente cerca di spendere il meno possibile, avendo di base meno esigenze di un 20enne/30enne che deve farsi una famiglia, comprare casa, auto e che magari a volte ha voglia di svagarsi e spende soldi anche in cose più futili di bollette o spesa: in pratica un'economia ed un commercio già massacrati dalla crisi e dall'aumento dei costi si impoveriranno ancor di più vedendo circolare sempre meno soldi e portando inevitabilmente maggior crisi dei consumi.

E' in tutto ciò i parlamentari traccheggiano sull'ipotesi di poter vedere tagli anche ai loro stipendi e privilegi, dicendo che così si rischia di fomentare l'antipolitica, perchè non è vero che loro godano poi di tutti questi vantaggi descritti da giornalisti e web...

Siamo sicuri che questa era la miglior riforma possibile? quando già ora c'è chi preannuncia un'altra manovrina simile a primavera per continuare a sanare le casse vuote dello stato. Cioè, fior di tecnici plurilaureati e "masterizzati" non hanno saputo fare di meglio?

lunedì 12 dicembre 2011

DON GIòN MARCA FAVA

ogni riferimento a persone esistenti e fatti realmente accaduti sarebbero equivalenti ad una paurosa coincidenza e quindi direi casuali abbastanza...
Tempo di realizzazione della parte DISEGNATIVA amanuense: 10 mEnuti scarsi
Tempo di realizzazione della parte grafica inserimento TESTO: 7 mEnuti netti

un caloroso vaffanculo al Pantani per l'ispirazione datami tramite il suo Anselmo!!! 
un grazie a Alessia e Paola per i tranquillissimi confronti avuti sull'argomento fede e dintorni in calme e sobrissime serate a caso.....


mercoledì 7 dicembre 2011

NESSUNO NE USCIRA' VIVO...


prendete un governo Berlusconi che ha vinto l'elezioni con la ricetta del "meno tasse per tutti", lasciatelo governare con una maggioranza schiacciante che li permetterebbe di fare ogni tipo di riforma, fatelo dire ogni settimana a Porta a Porta o al TG1 che a breve usciranno manovre che rilanceranno il paese che comunque non sa nemmeno cosa sia la crisi perchè aeroporti e ristoranti sono pieni; mescolate il tutto e lasciatelo agire per almeno 2-3 anni....
alla fine cosa otterrete?
et ualà...
ma è semplicissimo: un paese immerso nella merda fino al collo e un nuovo governo (che sia tecnico o del centrosinistra poco conta) che dovrà fare la parte del cattivo, aumentando tasse e imposte su qualsiasi cosa per cercare di salvare il salvabile.

Ecco cosa ha ottenuto l'italiano medio, votando a oltranza il buon Silvio People Fucker, abbindolato dalla storiella dei lupi cattivi che mettono le tasse mentre lui può liberalizzare tutto, rendere tutti più ricchi e altre stronzate del genere...

E questi nuovi geni "ipertecnici" cosa fanno come prime mosse fondamentali?
rimandano i pensionamenti (ormai moriremo a lavoro è una cosa certa e mi vien da dire: non toglietemi più dallo stipendio i soldi per la pensione, tanto non me la ridarete mai);
aumentano il prezzo della benzina, che già era a livelli insostenibili (lo sapete che continuiamo a pagarci sopra una accisa dei tempi della guerra in Abissinia);
rimettono l'ICI;
cioè, ci volevano i grandi tecnici del paese per fare queste mosse geniali?
per rimetterlo nel culo a noi poveri coglioni del popolo ci volevano i grandi esperti?

siamo davvero in un paese di geni...

E le tanto promessa equità con i tagli alla politica e con il far pagare finalmente i più ricchi?
E il vaticano che continua a non pagare un caxxo di centesimo di ici su le decina di migliaia di beni immobili che possiede e su cui guadagna fior di milioncini di euro?

Questo è fondamentalmente un paese per stronzi, abbindolati da politichetti da showbussiness e dalla tanto potente fede cattolica...

intanto prepariamo la quasi finita vasellina e caliamoci le braghe, che la sodomia ricomincia a furor di popolo...... 

questo è aSPARTAme!!!! per addolcire il pillolone anale