martedì 7 febbraio 2012

LE 10 MIGLIOR VOCI MASCHILI DI SEMPRE



Qualche sera fa, con un amico che fa il cantante in varie cover band e in alcune band con materiale proprio, discutevamo delle miglior voci maschili di sempre nel mondo della musica, ed abbiamo iniziato stilando un podio a 3 posti per poi allungarlo ad almeno 10 posizioni..
Alla fine ecco la mia personalissima classifica di quelle voci che per ME, ovviamente, sono le migliori di sempre per vari motivi che cercherò di spiegare con pochissime parole..
Chiunque avesse poi voglia di aggiungere la propria classifica è ovviamente il benvenuto:
1-EDDIE VEDDER- basterebbe l'attacco della prima canzone (ONCE) del primo album dei Pearl Jam per inserirlo subito nella top ten delle migliori voci di sempre. Un misto di potenza, grinta e profondità tonale che hanno cercato di imitare decine e decine di cantanti dopo lui, senza mai raggiungerne il livello.
2-AXL ROSE- Il grido iniziale di Welcome to the jungle è qualcosa che ti entra nei timpani e scende giù fino alle budella. Una voce come la sua, nessuno ancora ha saputo riproporla, ed è proprio la sua unicità che fa si che venga o amato o odiato, senza mezze misure... io appartengo al gruppo di quelli che lo adora da sempre.
3-LAYNE STALEY- una delle voci ingiustamente meno ricordate dell'era "grunge" ma forse la più rappresentativa del movimento stesso. Un uomo sempre al limite, con droghe, paranoie ed eccessi che l'hanno velocemente portato all'autodistruzione: tutte condizioni che traspaiono a pieno nelle sue corde vocali. Da ascoltare assolutamente per intero l'unplugged degli Alice in Chains per trovarne il massimo splendore della voce corrispondente, forse, ad uno dei periodi di maggior decadenza fisica.
4-ANDREW STOCKDALE- in molti si chiederanno perchè mettere lui e non un Plant. Bè, io di base non amo troppo le voci che sparano altissimo (un paio di casi a parte), ve ne accorgerete anche da questa classifica, a meno che non siano voci che lo fanno in maniera naturale, poco gridata. Per me Andrew riesce a darci gli acuti più alti con una naturalezza non irritante e soprattutto adagiato su pezzi musicali che hanno un forte sapore 70's senza però averne la "pomposa durata" apprezzabile a pieno solo dopo un paio di buoni vintage trip.
5-MARK LANEGAN- tono bassissimo, voce sporca e fumosa di quelle che ti ipnotizza qualsiasi cosa dica, anche la lista della spesa; pagherei per averne una simile.
6-SCOTT WEILAND- uno che ci può fare qualsiasi cosa con la voce. Partendo dagli ottimi Stone Temple Pilots e passando dai Velvet Revolver con qualche versione live dei migliori pezzi dei Guns n roses, facendo pure una capatina con i Doors al loro story tellers, Scott può davvero fare ciò che gli pare con la sua voce, raggiungendo sempre dei livelli di qualità ed originalità di tutto rispetto.
7-FABRIZIO DE ANDRE'- l'unico italiano che per me si merita la presenza in una classifica mondiale. Io preferisco il Fabrizio degli ultimi anni, quello con la voce "arrichita" da anni di tabacco e alcol. Ascoltatevi il live del 98 al teatro Brancaccio di Roma: quella voce vi porta letteralmente in un altra dimensione.
8-TOM WAITS- vedere Mark Lanegan, aggiungendoci qualche anno, un pò di follia e tanta voglia di sperimentare sempre. Waits ha la voce meno umana di tutti.
9-BON SCOTT- fedelissimi a parte, non so in quanti sanno che gli ACDC avevano un altro frontman prima di Brian. Un vocalist con una voce molto più naturale, nettamente più dispettosa, più irriverente e meno sforzata dell'attuale cantante. Ascoltatevi "let there be rock", magari guardando anche il video e capirete a cosa mi riferisco.
10-STING- bè, come grida lui "Roxanne" nell'ononima canzone dei Police, nessun'altro al mondo. Epoi trovare un bianco che con altri due bianchi fa canzoni raggae e le porta ad un successo mondiale è cosa abbastanza rara.

3 commenti:

  1. vado ad ascoltare coloro che non conosco della tua lista, e ti ringrazio per avere inserito il mitico de andrè il cui timbro non ha eguali, una voce meravigliosa. ti segnalo un cantante che probabilmente non conosci un cantante country americano morto negli anni sessanta ,jim reeves.

    RispondiElimina
  2. demetrio stratos, penso di aver detto tutto

    RispondiElimina