venerdì 6 aprile 2012

CARO MARIO MONTI...

..premettendo che so benissimo che la tragica situazione economica del nostro paese è eredità pesante dovuta ad una pessima e insensata gestione da parte dei partiti politici della prima e della seconda Repubblica e quindi non imputabile direttamente a lei ed al suo governo di tecnici, vorrei lo stesso andare a porle qualche piccola osservazione sul suo recente operato.
Io sono un trentenne qualsiasi italiano, non bamboccione, visto che sono uscito di casa dei miei a 25 anni,  con tutte le difficoltà del caso, lavoro (per mia grande fortuna) da quando ho 20 anni, ho un figlio di 8 anni da una precedente relazione,una nuova in arrivo a breve ed un simpatico mutuo sulla casa che pagherò se riesco fino alla fine dei miei giorni e ammetto che senza l'aiuto economico dei miei genitori, molte cose non potrei manco sognare di farle. L'azienda in cui lavoro è in forte crisi da 2 anni a questa parte, avendo come maggiori clienti l'ente comunale e le attività di piccole e medie imprese locali.
Tutto sembrava con l'ultimo governo Berlsuconi volgere al peggio: la crisi, i ricchi sempre più ricchi, i poveri sempre più poveri e anche il ceto medio che si impoveriva passo dopo passo; i politici incastrati in storie di sesso, soldi, droga e corruzione mentre il paese reale affondava, con il tanto famoso Spread a tassi stellari e le più grosse industrie di casa Italia (alitalia e fiat) svendute all'estero per tentare di resistere.

Poi è arrivato lei, al grido di "Salverò l'Italia con manovre e sacrifici equi per tutti, non facendo sconti a nessuno!!!"

Tze..... qualcuno le ha pure creduto.....

Dopo 5 mesi cosa ha fatto di equo?
Le eterne lobby, come quelle delle farmacie e dei tassisti, non le ha potute scalfire; le TV e i relativi problemi non sono stati toccati; i tanto sognati tagli alla politica sono ad oggi inesistenti e nemmeno paventati; le banche, maggiori colpevoli della crisi mondiale degli ultimi anni, salvate in parte proprio dallo Stato, continuano a dettare legge ai poveri intestatari dei conti e pure al suo Governo....insomma, i potenti, sono sempre i potenti in tutto e per tutto, con la differenza che ora possono nascondersi dietro al vostro Governo, che non avendo nulla di politico, non preoccupa nessuno per eventuali papabili "voti" elettorali persi.

E i "poveri", e il popolo? Cosa avete fatto di equo?
Aumento della benzina a livelli più che record, aumento per fumo, alcol e altri beni di consumo di vario genere, previsione di aumento dell'IVA al 23%, aumento dell'irpef una tantum, aumento dell'età per andare in pensione e pure reintroduzione dell'ICI.. In pratica ci state spolpando fino all'osso e anche più, a noi, i soliti coglioni di sempre, mi scusi il termine colorito.
Paghiamo più tasse che mai, con stipendi fermi da anni alla solita cifra, con Comuni, Province, Regioni e ASL che a causa dei continui tagli, danno sempre meno servizi e spesso pure scadenti.
Ha senso tutto questo, solo per cercare di fare tornare i conti del ragioniere? 
Qua ci sono politici che si fanno fuori centinaia di migliaia di euro dei soldi pubblici (vedi ora Lega e Margherita) guadagnando immeritati stipendi da nababbi (i più ricchi d'Europa) e nessuno fa loro nulla, ci sono uffici Comunali che a causa del patto di stabilità e della crisi dimezzano i servizi al cittadino, ma non dimezzano il personale assunto e nemmeno le ore lavorative, anzi spesso continuano ad assumere. Come mai? Perchè devo pagare sempre più tasse, solo in pratica per mantenere il comodo posto di lavoro del "pubblico", mentre nella mia azienda come in molte altre, se le cose non vanno, fanno part time, cassa integrazione o direttamente licenziano?

Poi i cinesi, gli americani e l'Europa le potranno anche farle i complimentoni con tanto di pacca sulle spalle, ma nel SUO paese, quello a cui aveva solo 5 mesi fa proposto una manovra equa, è fatto di sempre più alto tasso di disoccupazione, di sempre più aziende che chiudono e purtroppo di sempre più concittadini che addirittura si tolgono la vita stritolati da debiti e mancanza di speranza per il futuro.
Non le pare che qualcosa non funzioni nella sua manovra "equa"?
Lei e i suoi parlate di bisogno di flessibilità da parte del lavoratore, ma quando il lavoro proprio non c'è, e quando anche scegliere un mese se pagare le bollette o fare la spesa o fare debito, diventa quasi la prassi, lo sa lei e i suoi tecnici (Fornero in primis) dove potete pensare di collocarla la flessibilità?
Per settimane l'avete menata con questo sacrosanto articolo 18, come se tutto il male dell'Italia dipendesse da quella modifica tanto sognata dai "capi" del posto di lavoro...

Avrebbe fatto molto più bella figura presentandosi al suo insediamento con questa, cruda ma realistica ed onesta frase: "Sarà un bagno di sangue che colpirà i soliti noti! Devo fare quello che i politici non hanno il coraggio di fare per la loro paura di perdere la faccia con gli elettori"... 
credo che ad oggi, avrebbe certamente infastidito molte persone, ma almeno nessuno avrebbe potuto definirla un "parolaio"!
Buona Pasqua Mr Mario....

Nessun commento:

Posta un commento