martedì 19 marzo 2013

COERENZA E DEMOCRAZIA

IL GRILLETTO NAZIONALE CE LA MENAVA COSì POCO PIU' DI UN ANNO FA NEL SUO COMUNICATO POLITICO NUMERO 45:
"Ogni eletto risponderà al Programma del M5S e alla propria coscienza, non a organi direttivi di qualunque tipo (...) La libertà di ogni candidato di potersi esprimere liberamente in Parlamento senza chiedere il permesso a nessun capo bastone sarà la sua vera forza. Il M5S vuole che i cittadini si facciano Stato, non che si sostituiscano ai partiti con un altro partito. I partiti sono morti, organizzazioni del passato, i movimenti sono vivi. Oggi i parlamentari sono soltanto dei peones che schiacciano un pulsante se il capo, che li ha nominati, lo chiede. Non sono nulla, solo pulsante e distintivo. Il M5S vuole far entrare degli uomini e delle donne alla Camera e al Senato che rispondano solo alla Nazione e al proprio mandato."
IL GRILLETTO NAZIONALE ORA CE LA MENA COSì NEL POST DEL 16 MARZO 2013 DOPO LE VOTAZIONI PER CAMERA E SENATO: 

Nella votazione di oggi per la presidenza del Senato è mancata la trasparenza. Il voto segreto non ha senso, l'eletto deve rispondere delle sue azioni ai cittadini con un voto palese. Se questo è vero in generale, per il MoVimento 5 Stelle, che fa della trasparenza uno dei suoi punti cardinali, vale ancora di più. Per questo vorrei che i senatori del M5S dichiarino il loro voto.
Nel "Codice di comportamento eletti MoVimento 5 Stelle in Parlamento" sottoscritto liberamente da tutti i candidati, al punto Trasparenza è citato:
- Votazioni in aula decise a maggioranza dei parlamentari del M5S.
Se qualcuno si fosse sottratto a questo obbligo ha mentito agli elettori, spero ne tragga le dovute conseguenze. 

ORA FATEMI CAPIRE, SE I VECCHI CAPI DI PARTITO "OBBLIGAVANO" I LORO PEONES A SCHIACCIARE PULSANTI SENZA CONTROBATTERE, ERA UN SISTEMA DA ABBATTERE, SE LO STESSO SUCCEDE NEL 5 STELLE, ALLORA PARLIAMO DEL DARE RISPOSTE ALLA NAZIONE SUL PROPRIO MANDATO....

Grillo e' rimasto evidentemente spiazziatissimo dalle scelte di Bersani e PD che dicono: NO a governissimo con PDL, NO a Dalema Presidente della Repubblica, NO a offerte per scambi di poltrona, e ora le spara tutte come leggiamo su questa ANSA:

allora, la scelta di Grasso (definito dal genovese come un forte raffreddore) e Boldrini sarebbero una trappolona preparata a tavolino per i neo deputati 5 Stelle da PD e PDL!!!???
Ora il PDL avrebbe scelto, per la presidenza della camera, una di SEL e per il presidente al senato, uno che viene dalla lotta alla mafia.... certo e poi spererebbero pure in un Bertinotti presidente della Repubblica... 
non sa più cosa dire, come tenere le redini del 5 stelle, come placare e deviare l'opinione della base del movimento sulle molte insicurezze, incoerenze e indecisioni che animano lo spirito dei suoi elettori. Ogni giorno vediamo le incongruenze dei suoi eletti, che sono costretti a smentire costantemente le poche dichiarazioni che rilasciano:
-"tutto in streaming per massima trasparenza" e poi una delle riunioni più importanti, quella pre voto a Grasso, manco viene registrata;
- Crimi, che dopo le votazioni esce dal Senato dicendo in TV, c'è stata libertà di coscienza per chi ha votato Grasso, per poi tweettare il giorno dopo che chi l'ha fatto aveva tradito il mandato elettorale;
- Gessica Rostellato, che manco stringe la mano alla Bindi perchè "non ha piacere a conoscerla", poi chiede scusa se è sembrata maleducata o arrogante, e imbeccata dalle iene di italia 1 sul fatto del non sapere manco cosa significa BCE e cosa facesse ora Draghi, il giorno dopo posta su facebook che proprio in quel momento le sfuggivano cose che sapeva benissimo! certo, come no....;
-o come il deputato 5 stelle che intervistato ieri fuori senato alla trasmissione Piazza Pulita, a domanda diretta, risponde: "non ho una mia opinione" per poi correggersi subito "non mi faccia dire cose che non ho detto.."

insomma, alla fine sono esseri umani come gli altri, con sicuramente una base di buoni propositi, ma dovrebbero anche cominciare a non pensare di essere per forza "migliori" di tutti, visto che stanno già cominciando le prime, inevitabili gaffes da cui capiamo perchè preferiscono "il comunicare del mondo virtuale" a quello live del domanda-risposta.. e' un pò la differenza che c'è a scuola tra un tema fatto in classe e uno fatto a casa....

Nessun commento:

Posta un commento