lunedì 30 settembre 2013

Facebook



Ovvero de: "mettiamo in piazza ogni singola scorreggia che viene fatta nel mondo"
Questa primavera, dopo anni di resistenza, ho dovuto cedere ed aprire una pagina FB, non mia personale, ma nata per promuovere un'iniziativa di musica rock live. Passate le prime settimane per raccogliere ed assimilare tutto ciò che il mondo FB racchiude, da un pò di tempo ho grosse perplessità riguardo l'utilizzo medio che ne fa il 90% degli iscritti.

"Ah bene come mi piace starmene sul divano a guardare Grey's Anatomy alla TV".... 
"Sto cucinando una pasta fatta in casa che è la fine del mondo"....
"Sveglia, Colazione e ora doccia; che goduria"...
Se stai tanto bene perchè mentre lo fai senti il bisogno scriverlo su FB?

"Quanto amo mio marito, è davvero l'uomo migliore del mondo"...
"Tutti questi anni insieme e ancora sento per te le stesse identiche cose! Ti amo sei la cosa più bella che mi potesse capitare"....
"Mio figlio è fantastico!! Ogni anno passato insieme a lui è una scoperta e una gioia indescrivibile"..
Perchè una persona sente il bisogno/dovere di rendere così pubblici sentimenti di se per se molto personali e a tratti privati? Chi si tenta di convincere? Interessa davvero al mondo che ci circonda?

"Mi piace!"
"Brava, così si fa!!"
"ah ah ah!!Sei davvero forte! simpaticissimo"
Persone che si linkano, si taggano, si piacciono, si complimentano a go go nel mondo virtuale e poi nella realtà a mal fatica si salutano se si incrociano. C'hanno fatto migliaia di battute e pure frasi nelle canzoni su questo basilare concetto: perchè hai 756 amici nel virtuale quando poi nel reale manco esci a prendere un aperitivo/caffè con gli "amici di ciccia" che non vedi da mesi e mesi?

"-Io su FB scrivo cosa cazzo mi pare, se non vi piace non lo leggete!! O non avete niente di meglio da fare nella vita che stare ore e ore davanti a un monitor a farvi i cazzi degli altri, pecore!!"...
-non ti arrabbiare dai, ma che è successo? 
-nulla di grave, cose mie private, chi deve capire capirà. Non sono per niente arrabbiato, figurati"...
Ecco, certo che uno scrive cosa gli pare in rete, ma perchè allora ti incazzi tanto se poi quello che scrivi (cose private!!!) viene commentato anche come non vorresti? Perchè critichi gli altri dicendo che passano la vita di fronte al monitor quando anche tu posti anche le pete che fa il gatto?

Perchè raccontare per filo e per segno ogni più piccola minchiata fatta nell'arco della giornata? Non esiste più il senso del privato? Del mistero? La tanto decantata "privacy" per cui si fanno anche leggi per difenderla che fine sta facendo? E' davvero bello far sapere a decine e decine di persone gran parte di quello che accade nella propria vita privata? E la tutela dei minori? Un bambino che sin da appena nato viene postato con foto e azioni compiute minuto per minuto, viene tutelato dai genitori che decidono al suo posto di mettere online anche le foto del bagnetto o del cambio pannolino? 

Non sarebbe bello richiudere un pò questi immensi portoni sul cortile del condominio per lasciare solo piccoli spiragli, da dietro le tende della ben più piccola e Hitchockiana finestra? Che già da quella si vedevano cose a volte "pericolose"....


venerdì 20 settembre 2013

TI AMO!


Miley Cyrus

LA DOMANDA E' TANTO FUTILE QUANTO ATTUALE: PERCHE'?

SI HA PIU' SUCCESSO A MOSTRARE LA LINGUA?
E' UN TIC NERVOSO?
E' UN'AMMICCAMENTO A SFONDO SESSUALE?
LE E' PARTITA UNA CAPSULA?
LA LINGUA VUOLE PRENDERE LE DISTANZE DAL RESTO DEL CORPO?

CHI SA QUALCOSA DI PIU' PRECISO PARLI!!!!


martedì 17 settembre 2013

L'ESSERE UMANO E' UNA MMMERDA

Notizia di quelle che ti fa sperare nell'estinzione del genere umano:
in Canada una madre riprende col cellulare il figlio che viene avvicinato e "coccolato" da un cervo troppo affettuoso, così che gli ufficiali della fauna selvatica, ritenendo l'animale troppo amichevole e quindi potenzialmente pericoloso per l'uomo, hanno deciso di abbatterlo.

Capito? Se un'animale è aggressivo, lo si abbatte, lo stesso succede se è troppo amichevole, perchè potrebbe diventare un pericolo......
ma v a f a n c u l o!!!!
Ma chi cazzo ce lo da il diritto di decidere così della vita degli altri esseri viventi?
Il genere umano spesso fa davvero cagare.. saremo evoluti mentalmente (e nemmeno sempre) ma a livello di empatia e anima siamo davvero una mmmerda!!!
ARROGANTI, SIAMO IL VERO VIRUS DEL PIANETA!!!

martedì 10 settembre 2013

NON SI ESCE VIVI DAGLI ANNI '80...

..e neppure dall'inizio 90!!!
Uno arriva a 35 anni e ogni tanto qualche domanda sul come mai ha alcuni gusti, alcune fisse, alcune peculiarità anche "superficiali" se la fa.
-perchè nell'abbigliamento sono una via di mezzo tra il tamarro e lo sciagattato?
-perchè mi ostino a tenere i capelli lunghi?
-perchè ho questa fissa per alcune "caratteristiche/doti" femminili?
-perchè mi piacciono i tatuaggi?
-perchè mi riempo di collane, braccialetti, orecchini, cappelli, occhiali e anelli?

Concordando subito che siamo nel mondo del futile e che alcune domande a volte uno può anche non porsole, andiamo ora (perdendo un buon 10 minuti netti) ad analizzare la cosa; noi siamo quello che siamo per tanti differenti motivi:
c'è la famiglia in cui nasci e cresci; ci sono la scuola, le maestre e i compagni che frequenti; ci sono gli amici del quartiere; c'è la comunità in cui vivi; ci sono i partners che avrai e poi entrano in gioco i famosi "media", cioè quella cosa chiamata TV (per me che sono nato nel 1978 e cresciuto negli anni 80-90) e il più moderno WEB.

Negli anni '80 ero un bambino e a inizio '90 un adolescente, nel 1995 avevo 17 anni, credo quindi di poter affermare che gran parte della mia formazione di gusti in generale si sia fatta proprio in un decennio a cavallo tra l'85 e il 95 e la domanda che fa seguito a questo lungo e tedioso preambolo è: "cosa guardavo di quello che andava in onda in quei anni in tv?"
Ecco due mini collage che andrò ora a motivare:


Le figure maschili erano tutte pesantemente tamarre, sia quelle della musica, sia quelle di molti telefilm che quelle di pseudo-sport come il wrestling: capello lungo, tatuaggi, braccialetti, jeans strappati, collanine, chiodi, borchie, cappelli, occhiali da sole e via dicendo... ringrazio quindi l'ondata "grunge" di inizio e metà anni 90 che mi ha poi fatto virare verso un mix leggermente più sobrio (magari anche più zingaro) rispetto a questi tipetti qua.

Le figure femminili, a partire dai cartoni animati, erano tutte molto desnude e allusive, con seni molto ben sviluppati e sovente messi in vista (cartoni come Lamù, Occhi di Gatto, Lupin, Daitarn 3, ci hanno, fin da bambini, subdolamente guidato a un'immaginario del mondo femminile provocatorio, generoso e costantemente ammiccante), per arrivare poi alle donne quelle di ciccia di film, telefilm, spot e moda: Wonder Woman, la cugina Deisy, Madonna, le super Top Models, Bay Watch, ecc... tutte molto disinibite, poco coperte e libere di fare le "civettuole", quasi sempre castane o more, con labbra carnose e curve abbondanti.

Quindi uno ci ferma un attimo e pensa: ma vuoi vedere che alla fine, nonostante l'idea di essere abbastanza libero nelle proprie scelte, lontano da alcuni schemi e clichet, sufficientemente autonomo nello scindere cosa magari è giusto e cosa invece è solo un "pilotaggio" guidato da terzi, nonostante tutto ciò, ha comunque dei piccoli semi che si insinuano dentro e che a volte di più a volte di meno, germogliano e crescono sino a diventare parte di quello che sei e di quello che scegli?



lunedì 2 settembre 2013

ROSIGNANO SOLVAY O MARINA DI ROSIGNANO, THIS IS THE QUESTION?

Vivo in un comune abbastanza strano, la mia frazione di residenza si chiama Rosignano Solvay, il cui nome, Solvay appunto, è dovuto al fatto che la cittadina si è sviluppata proprio dopo l'insediamento della fabbrica belga, dando origine a quella che è storicamente una comunità che deve il proprio crescere e sviluppo al settore industriale in primis. Ora negli ultimi decenni la fabbrica ha perso un pò di "smalto" ed ha dismesso alcuni settori, ma per indotto rimane tuttora la principale fonte di occupazione che ci sia a Rosignano e dintorni. Se poi vogliamo analizzare anche il controsenso i suoi scarichi a mare della lavorazione della soda hanno, nei decenni, dato origine oltre che ad una fascia costiera altamente inquinata anche alle famosissime e ricercatissime dai turisti, Spiagge Bianche, meta estiva di decine di migliaia di bagnanti locali e non. 
Siamo in piena crisi, in ogni settore, e quest'anno l'Associazione Albergatori locale ha avuto il lampo di genio necessario per dare la svolta a questa situazione di stallo negativo: cambiare il nome da Rosignano Solvay a Marina di Rosignano!!!.... Chapeau... un'idea che può fare la differenza!!!
Perchè non è il contenuto che conta ma il contenitore, giusto?

Ora io dico, analizziamo seriamente la cosa:
Solvay è nata e cresciuta proprio intorno alla fabbrica e per assurdo l'edilizia civile (tipica ville-verte nord europea) e pubblica legata alla stessa ha una qualità ed un logica che poi è andata persa nei decenni successivi a discapito del bel vedere e del buon senso; sicuramente dal punto di vista paesaggistico e naturalistico la fabbrica ha fatto danni che forse mai potranno essere risanati, le famosissime spiagge bianche (unica vera attrazione turistica di massa della frazione in questione) ivi comprese, ma cosa è stato fatto da amministrazioni, associazioni, pro loco e attività private di concreto per dare un input di svolta al turismo?

L'ediliza civile anni 70-80 ha letteralmente stuprato la line costiera con palazzoni-caserma costruiti proprio in riva al mare, in zone in cui negli anni 50-60 non si erano giustamente costruite palazzine che superassero i 2 piani, es:
il lungomare stesso di "marina di Rosignano" è uno dei tasti più che dolenti della presentazione al turista: partendo dalla Terrazza delle Repubbliche marinare, semi distrutta ormai da l'inverno scorso, troviamo una bellissima asfaltatura di catrame nero che fa da passeggiata, lungo la quale possiamo vedere il fu parchetto retrostante ai bagni "lo Scoglietto" in attesa di ultimazione per la terza estate consecutiva a cui segue l'unico tratto di spiaggia libera (100 mt) rimasta circondata da un vecchissimo muretto di cemento decadente che quest'estate per ben 2 volte è stata chiusa e poi bonificata a causa dello spargimento liquami di botri e fogne, es:
proseguiamo poi per trovare il Porto Turistico Cala de' Medici, che alla popolazione locale ben poco ha portato se non il divorarsi altri 400-500 mt di costa libera di quello che era forse uno dei fondali marini più belli e ricchi presenti nel nostro Comune (meta fissa dei surfisti di tutta la regione) e i costanti odori e chiazze di benzina da super yacht in transito, oscurando la vista mare di decine e decine di villette, es:

E alla fine di tutto questo ben Dio arriviamo agli ormai celebri "campeggi improvvisati" nei parcheggi vicino alla Coop: da anni il territorio non ha saputo dare una risposta alla forte richiesta di un'area camper attrezzata, lasciando così che ogni fine settimana più della metà dei parcheggi disponibili fosse occupata da un numero spropositato di camper, lasciando vivo il dubbio del dove e come questi turisti facciano il carico e scarico delle acque bianche e nere.


Poi cosa dire se andando a prendere un birra in bottiglia da 33 di una marca qualsiasi il proprietario di un locale del lungomare ti chiedesse salatissimi 5 euro? Se il 50% delle proposte di intrattenimento serale fossero fatte di karaoke o balli di gruppo e il restante 50% da sempre più sfoltiti mercatini e sbaracchi di qualità (parliamone della qualità) o apericene a go go? E se girando per le vie retrostanti al lungomare vi accorgeste che 3/4 degli affitti estivi sono fatti in garage sovraffolati trasformati in dependance o in situazioni palesemente non "dichiarate" con una viabilità pericolosa e indisciplinata fatta di parcheggi selvagge in zone vietate e di contromano giornalieri senza mai in tutto ciò avere l'ombra di un controllo che fosse uno da parte delle forze dell'ordine,tutte impegnate a tutelare e controllare zone più "in" come Castiglioncello e Vada?

QUINDI LA DOMANDA DA PORRE A CHI HA LANCIATO QUESTA PROPOSTA DEL CAMBIO NOME E': MA SE FOSTE UN TURISTA VERGINE DELLA FRAZIONE IN DISCUSSIONE CHE "GABBATO" DAL NOME NELLA RICERCA SUL WEB (per altro poco approfondita, visto che le immagini visualizzate rimarrebbero quello che abbiamo visto anche in questo post) E SPINTO DA QUEL "MARINA DI ROSIGNANO" DECIDESTE DI FARVI UNA VACANZA QUA, DOPO AVER VISSUTO SULLA VOSTRA PELLE E A VOSTRE SPESE QUANTO SOPRA RIPORTATO, TORNERESTE UNA SECONDA VOLTA A PASSARE LE VOSTRE FERIE QUA DA NOI?