mercoledì 26 febbraio 2014

Dittatura da Maggioranza



La libertà di ogni candidato di potersi esprimere liberamente in Parlamento senza chiedere il permesso a nessun capo bastone sarà la sua vera forza. Il M5S vuole che i cittadini si facciano Stato, non che si sostituiscano ai partiti con un altro partito. I partiti sono morti, organizzazioni del passato, i movimenti sono vivi. Oggi i parlamentari sono soltanto dei peones che schiacciano un pulsante se il capo, che li ha nominati, lo chiede. Non sono nulla, solo pulsante e distintivo.

Chi lo scriveva in un suo comunicato politico numero 45? Ma si, il democraticissimo Beppone Nazionale... 
E' per questo che per oggi sperava e tifava che le votazioni online buttassero fuori dal 5 stelle i 4 pericolosissimi dissidenti: Battista, Bocchino, Campanella e Orellana, colpevoli non di aver violato una norma dello statuto o del codice di comportamento parlamentare, ma di aver semplicemente fatto una critica al "capo".

AVANTI TUTTA GRILLO, se tu sei quello che dovrebbe salvare l'Italia, eh si sta messi parecchio bene: accusate gli altri partiti di epurazione sistematica per chi no non "segue la linea" quando anche voi fate lo stesso.....

Nessun commento:

Posta un commento